Siamo due allievi che si fanno maestri uno dell’altro

Siamo due allievi che si fanno maestri uno dell’altro






Noi_a

Siamo due allievi che si fanno maestri uno dell’altro

Vogliamo portare a tutti il nostro vissuto e il frutto dei nostri studi. L’obiettivo è cogliere l’opportunità di lavorare su se stessi per comprendersi nella coppia. Abbiamo l’opportunità di viverci con sicurezza con qualcuno solo quando sentiamo che quel qualcuno è realmente disponibile con noi ed è emotivamente vicino a noi.

Stiamo capendo che sintonizzarsi con qualcuno vuol dire avere empatia, avere desiderio, capacità e intenzione di andare là dove quella persona si trova, senza giudizio, ma con l’autentico desiderio di vedere, sentire e conoscere chi abbiamo veramente di fronte. Provare a mettersi nei panni dell’altro innanzitutto!

Essere emotivamente vicini a qualcuno significa avere uno spazio interiore per il nostro sentire e il sentire dell’altro, avare la capacità di tollerare e lasciar fluire l’intensità delle nostre e delle sue emozioni, senza reprimerle e senza caderci dentro o esplodere. Non è sempre facile… ma è questo che rappresenta veramente il dono di una coppia: evolvere come persone.

Non deve essere esclusa nessuna emozione, non ritenere che vi siano emozioni negative da reprimere o non mostrare, piuttosto è nella comunione di emozioni che si supera il concetto di buono e cattivo. E’ proprio vero! Affrontare il proprio Se per comprendere mano a mano chi siamo davvero nella ricchezza della coppia. Ma serve essere spontanei e liberi di esternare le proprie emozioni, qualsiasi sia con la certezza che l’altro non la prenda sul piano personale.

Solo così si può provare a passare dalle aspettative del fare … alla consapevolezza dell’essere!

Giorno per giorno cerchiamo di comprenderci a vicenda, consapevoli della ricchezza di ciò che viviamo dove le realtà diventano spesso fantasie e le fantasie spesso divengono realtà.

Con questo parole vogliamo cogliere l’occasione di Augurare a tutti un Santo Natale pieno di Luce e Amore.

Elisa e Gianni