Amore e coppia

Amore e coppia

AmorePsicheAmore e coppia

Settimana scorsa ho analizzato la parola amore. Chiaramente nel mio “qui ed ora”. A volte è difficile pensare come coppia perché il nostro egoismo chiede dazio. Spesso non ci accorgiamo di cambiare e pensiamo che sia solo l’altro ad essere cambiato! L’educazione, l’abitudine, il dare tutto per scontato, il non provare a mettersi nei panni dell’altro, le aspettative …. spesso fanno il resto. Abbiamo capito che la prima cosa è svuotare se stessi e imparare a fare ogni giorno spazio. Solo facendo spazio in noi possiamo permettere a qualcuno di riempirlo!

Una storia

casesullagoUn uomo viveva una bellissima storia d’amore. Era felice, gioioso, realizzato. Finché un giorno capisce che non può vivere lontano dalla sua amata e, così una sera, dopo una passeggiata, al chiaro di luna le chiede di sposarlo. Il viso di lei si illumina ancora di più e lui vede in quella luce una risposta sicuramente positiva. Ma il silenzio stava diventando opprimente. Lui viveva questi attimi in preda al dubbio: silenzio e uno sguardo lucente e beato! Cosa aspettarsi?
Dopo un tempo che gli era sembrato lunghissimo ecco la sua risposta. Con voce delicata gli dice che sognava questo momento perché anche per lei lui rappresentava il suo tutto. Era felice ma ad una condizione. Lui euforico afferma: “va bene qualsiasi cosa!”. Ma lei gli dice di aspettare e sentire prima la sua condizione, una condizione particolare ma per proteggere quel sentimento unico e prezioso. Lui si mette in ascolto. Dopo un po di silenzio, ma rasserenato da quello sguardo così dolce… ecco la condizione. Si sarebbero sposati ma dovevano continuare a vivere come adesso, ognuno nella sua casa, ognuno sulla sua sponda del piccolo lago che li divideva. Lei nota il suo turbamento e l’inevitabile domanda che sta per sgorgare dal suo cuore: perché!
Allora lei prosegue ancora con più tenerezza dicendo che il segreto di una vita d’amore è quello di avere sempre la voglia di andare dall’amato, di uscire dalla propria casa per andare, per incontrarsi. A volte uscendo insieme, a volte solo uno di loro. Se invece avessero abitato nella stessa casa sarebbe presto arrivata l’abitudine, la comodità di non dover … uscire! Lui capisce tutto ma fa fatica a credere a quelle parole e va via amareggiato. Passa giorni in casa a pensare alla cosa. Passano gli anni. Ormai vecchio capisce che aveva ragione e che il suo egoismo gli aveva impedito di vivere un’amore unico. Allora riaffronta quel breve tratto di strada e va a trovare il suo unico amore. Lei lo accoglie con un sorriso grande e gli dice che era contenta. Sapeva che ci voleva tempo e lei sapeva che questo momento sarebbe arrivato. E da li …. ri-partirono!
 

camminareLa morale è che se non facciamo dei passi verso l’altro non si arriva lontano. Quando ci si prepara ad un incontro si vivono momenti di emozione, di preparazione. Cosa mi metto? Cosa mi dirà? Cosa faremo? Mai dare nulla per scontato! Solo nella libertà si può amare con trasporto e unicità! Il librarsi in volo è possibile solo se non ci incatena!!! La colpa non è la convivenza o il matrimonio. La colpa è l’atteggiamento interiore.

Adesso vi propongo un brano tratto da uno scritto di Osho che analizza l’amore di coppia. E alla fine, per concludere questo tema riporto una preghiera.

E’ vero amore?

Una domanda che prima o poi tutti gli amanti si pongono, senza neppure soffermarsi un istante a considerare quelle due semplici parole: vero e amore. Ed è proprio lì che si nasconde la possibile risposta. Finché non si è veri, non ha senso parlare di vero amore. Finché non si è in grado di amare non ha senso parlare di verità. Questo non significa rinunciare alle nostre relazioni, ma viverle con la chiarezza che in gioco non sono la verità e l’amore – che verranno quando sarà il momento – ma il sonno della coscienza e la necessità di svegliarsi.

Osho, come faccio a sapere se una donna è davvero innamorata di me oppure sta fingendo?

È difficile! Nessuno è mai stato in grado di farlo – perché, in realtà, l’amore è un gioco. è la sua natura! Quindi se continui ad aspettare, e valutare e pensare e analizzare, se la donna che è innamorata di te sta fingendo oppure è davvero innamorata, non riuscirai mai ad amare una donna, perché l’amore è una finzione, la finzione suprema.
Non è necessario chiedergli di essere reale – basta stare al gioco! è la sua natura. E se ti interessa troppo la realtà, allora l’amore non fa per te. è un sogno! è una fantasia – è finzione, romanzo, poesia. Se sei un tenace ricercatore della realtà, ossessionato dalla realtà, allora l’amore non fa per te – meglio meditare.
Ma io so che chi mi ha fatto questa domanda non è un tipo così. Per lui meditare è impossibile, perlomeno in questa vita! Ha troppi karma con le donne da completare. Quindi pensa continuamente alla meditazione e continuamente è coinvolto con questa o quella donna. E le donne con cui sta vengono da me e mi chiedono: “è davvero innamorato di noi?”. Che fare? E adesso arriva lui con questa domanda!
Ma è un problema che prima o poi hanno tutti, perché non esiste un modo per giudicare. Siamo estranei totali – siamo estranei gli uni agli altri, e i nostri incontri sono accidentali. Così, lungo la via, all’improvviso ci imbattiamo l’uno nell’altra, senza sapere chi siamo, senza sapere chi è l’altro. Due estranei che s’incontrano per strada, che si sentono soli, si prendono per mano – e pensano di essere innamorati. Di certo hanno bisogno l’uno dell’altra, ma come essere sicuri che ci sia amore?
È puro caso. Esistono i bisogni: le persone si sentono sole e hanno bisogno di qualcuno per colmare la propria solitudine. Lo chiamano amore. Fanno dichiarazioni d’amore, perché è l’unico modo per catturare l’altro. E anche l’altro parla d’amore, perché è l’unico modo per averti. Ma chi può sapere se l’amore c’è o no? In realtà, l’amore è solo un gioco. Sì, la possibilità di un amore reale esiste, ma succede solo quando non hai bisogno di nessuno – è questa la difficoltà.

Come le banche

Funziona un po’ come le banche. Se ti rivolgi a una banca e hai bisogno di denaro, non te ne daranno. Se non hai bisogno di denaro, ne hai abbastanza, verranno loro da te e saranno sempre disponibili a dartene. Quando non ne hai bisogno, sono pronti a dartene, quando ne hai bisogno, non sono disposti a dartene.
Quando non hai per niente bisogno di una persona, quando sei totalmente autosufficiente, quando puoi stare da solo ed essere immensamente felice, estatico, allora l’amore è possibile. Ma anche in quel caso non puoi sapere con certezza se l’amore dell’altro è reale o no – puoi avere la certezza di una sola cosa: la realtà del tuo amore. Come puoi essere sicuro dell’altro? Ma non è neppure necessario.
Questo cruccio continuo – se l’amore dell’altro è reale oppure no – indica semplicemente una cosa: il tuo amore non è reale. Altrimenti, a chi importa? Goditelo finché dura! State insieme fin quando vi è possibile stare insieme! è una finzione, ma avete bisogno di finzioni. Nietzsche diceva che l’uomo non può vivere senza bugie, non può vivere con la verità. La verità sarebbe troppo da sopportare, da tollerare. Avete bisogno di bugie. Le bugie, in maniera sottile, lubrificano il vostro sistema, sono dei lubrificanti. Mm? Vedi una donna e dici: “Che bella! Non ho mai incontrato una persona così bella”. Queste sono bugie lubrificanti – e lo sai!
Hai detto la stessa cosa ad altre donne prima, e sai che la ripeterai ad altre donne in futuro. E anche la donna ti dice che sei l’unico uomo ad averla mai attirata. Si tratta di bugie. Dietro queste bugie non c’è che il bisogno. Vuoi che la donna stia con te per riempire il tuo buco interiore, vuoi colmare il tuo vuoto interiore con la sua presenza. Anche lei lo vuole. Entrambi tentate di usare l’altro per i vostri scopi.

Gli amanti

È per questo che gli amanti, quelli che chiamiamo amanti, sono sempre in conflitto – perché nessuno vuole essere usato, perché quando usi una persona, essa diventa un oggetto, la riduci a una cosa, utile. Ogni donna, dopo aver fatto l’amore con un uomo, si sente un po’ triste, delusa, tradita, perché l’uomo si gira dall’altra parte e si mette a dormire – quando è finito è finito!
Molte donne mi hanno detto che piangono e si disperano dopo che l’uomo, il loro uomo, ha fatto l’amore con loro – perché dopo non mostra più alcun interesse. Il suo interesse riguarda solo un bisogno particolare, poi si gira e dorme. Non gli interessa neppure sapere cosa è accaduto alla donna. E anche gli uomini si sentono imbrogliati. A poco a poco, iniziano a sospettare che la donna li ami per qualche altro motivo – per i soldi, il potere, la sicurezza. L’interesse potrebbe essere economico – comunque non è amore. Ma è la realtà. è così che può essere, e può essere solo così!
Per come sei, quasi addormentato, in perenne stato di trance, di sonnambulismo, può essere solo così. Non preoccuparti se la donna ti ama davvero o no. Finché dormi avrai bisogno dell’amore di qualcuno – anche se è falso, ne avrai bisogno. Goditelo! Non angosciarti! E cerca di diventare sempre più sveglio. Un giorno, quando sarai pienamente sveglio, sarai in grado di amare – ma allora sarai sicuro solo del tuo amore. E sarà sufficiente! Perché preoccuparsi? Ora non vuoi usare gli altri. Quando sei in uno stato di beatitudine da solo, non desideri usare nessuno. Vuoi solo condividere. Hai così tanto, trabocchi al punto di volere che qualcun altro lo condivida. E sarai grato a chiunque sia pronto a ricevere. Chiuso! Quello è il punto d’arrivo. Ora come ora, ti preoccupi troppo del fatto che l’altro ti ami davvero perché non sei sicuro del tuo amore. Prima cosa. E poi non sei sicuro del tuo valore. Non riesci a credere che qualcuno possa amarti davvero. Non vedi nulla dentro di te. Sei incapace di amare te stesso – come può amarti un altro? Ti sembra irreale, impossibile.

Ami te stesso?

Ami te stesso? Non ti sei neppure posto la domanda. Le persone odiano se stesse. Si condannano – continuano a condannarsi, sono convinte di essere marce. Come farà un altro ad amarti? Una persona così depravata. No, nessuno ti può amare davvero. L’altro ti sta ingannando, sta fingendo, deve esserci un motivo diverso. Lei deve essere alla ricerca di qualcos’altro, lui deve essere alla ricerca di qualcos’altro. Questo succede di continuo. Per come ti conosci, l’amore è proprio fuori questione. Sai di essere marcio, di non valere nulla – l’amore è proprio fuori questione. E quando una donna ti si avvicina e ti dice che ti adora, non riesci a fidarti. Quando ti avvicini a una donna e le dici che l’adori, mentre lei odia se stessa, come farà a crederti? è l’odio di sé che crea l’angoscia.
Non esiste modo per essere sicuri dell’altro – prima di tutto sii certo di te stesso. E una persona che è certa di se stessa, è anche certa del mondo intero. Una sicurezza raggiunta nel centro più intimo diventa una sicurezza riguardo tutto cià che fai e che ti succede. Equilibrato, centrato, radicato in te stesso, non ti preoccupi mai di queste cose. Accetti. Se qualcuno ti ama, lo accetti perché ami te stesso. Se sei felice da solo, e qualcun altro è felice – bene! Non ti dà alla testa, non ti rende eccessivamente superbo. Tu, semplicemente, godi di te stesso, e se anche qualcun altro ti trova interessante – bene!

Finzione ed incapacità

Finché dura, vivi questa finzione nel miglior modo possibile – non durerà per sempre. E anche da qui nasce un problema. Quando un amore finisce, subito pensi che era falso – per questo è finito. No, non necessariamente. Poteva contenere qualche bagliore di verità, ma entrambi siete stati incapaci di mantenere quella verità. L’avete uccisa. C’era – voi l’avete annientata. Non eravate capaci d’amare. Avevate bisogno dell’amore, ma non eravate in grado di amare. è così: incontri un uomo o una donna, le cose vanno bene, filano lisce, è fantastico, bellissimo – all’inizio. Nel momento in cui vi sistemate, le cose cominciano ad andare storte, a guastarsi. Più siete sistemati, più aumentano i conflitti. è questo che uccide l’amore. Per come la vedo io, ogni amore, all’inizio, contiene un raggio di luce, ma gli amanti lo distruggono. Saltano su quel raggio di luce con tutta la loro oscurità. Gli saltano sopra e lo distruggono. E una volta distrutto, pensano che fosse falso. Lo hanno ucciso! Non era falso – i falsi erano loro. Il raggio era autentico, reale.

Non preoccuparti

Quindi non preoccuparti dell’altro, non preoccuparti della realtà o meno dell’amore. Finché c’è, gioiscine. Anche se è un sogno, va bene sognarlo. E diventa sempre piò vigile e consapevole, così da spezzare il sonno. Quando sei consapevole, nel tuo cuore sorgerà un tipo di amore totalmente diverso – che è assolutamente vero, che appartiene all’eternità. Non si tratta però di un bisogno – è un lusso. Ne hai così tanto che desideri qualcuno con cui condividerlo. Proprio come le nuvole quando sono cariche di pioggia: vorrebbero riversarsi ovunque, su chiunque. E a loro non interessa se piovono su un sentiero di montagna, o su un terreno roccioso, o su un terreno fertile assetato – non se ne curano. Piovono sulle rocce, sul terreno fertile, su tutti – buoni e cattivi, assetati e non assetati, richieste o non richieste. Perché ora non si tratta di un bisogno, ora la questione è che sei troppo pieno e devi condividere.
Io vi amo – non perché ho bisogno. Vi amo semplicemente perché cos’altro posso fare ora? è lì, e io vorrei solo riversarlo su di voi, e continuo a farlo – incondizionatamente.
Quando sei consapevole, non hai bisogno dell’amore. Quando non hai bisogno dell’amore, diventi capace di amare. è un paradosso. Quando hai bisogno, non ne sei capace.
E in questo stato di sonno, pieno di bisogni e desideri, continui a incespicare. Nell’oscurità del desiderio, nella follia della passione, nella nebbia e nello smog in cui brancoli, non preoccuparti troppo se l’altro ti ama davvero o no. Ora come ora, a te non può accadere il reale. Il reale accade solo alle persone reali. Gurdjieff era solito dire: “Non cercare la realtà, diventa reale!”, perché il reale accade solo alle persone reali. Alle persone irreali accadono solo finzioni.

(tratto da A Sudden Clash of Thunder #4 – Osho)

 

Preghiera a san Valentino
ManiCoppiaNel mio cuore, Signore, si è acceso l’amore per una creatura che tu conosci e ami.
Fa che non sciupi questa ricchezza che mi hai messo nel cuore.
Insegnami che l’amore è un dono e non può mescolarsi con nessun egoismo,
che l’amore è puro e non può stare con nessuna bassezza,
che l’amore è fecondo
e deve, fin da oggi, produrre un nuovo modo di vivere in me e in chi mi ha scelto.
Ti prego, Signore, per chi mi aspetta e mi pensa,
per chi ha messo in me tutta la sua fiducia,
per chi mi cammina accanto, rendici degni l’uno dell’altra.
E per intercessione di San Valentino fa che fin da ora
le nostre anime posseggano i nostri corpi e regnino nell’amore.